Sabato, 24 Ottobre 2020

Sei in: News » Tributi » Aliquote nuova Imu 2020

  • stampa
  • mail
  • contatta l'autore
  • Condividi su facebook

Aliquote nuova Imu 2020

Delibera di Consiglio comunale n. 12 del 29 maggio 2020 - Approvazione aliquote

18/01/2020, 13:16 | Tributi

DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N. 12 DEL 29 MAGGIO 2020


...OMISSIS....


Ritenuto, pertanto, di determinare, per l’anno 2020, le aliquote per detta imposta, nell’intento di perseguire la sostanziale conferma di quelle vigenti nell’anno 2019 tenuto conto dell’unificazione intervenuta tra IMU e TASI, e con il presupposto di mantenere l’invarianza del gettito previsto, secondo la seguente declinazione:


 aliquota per l’abitazione principale classificata nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 e relative pertinenze; l’aliquota e la detrazione si applicano anche alle fattispecie assimilate per legge o regolamento all’abitazione principale, sempre con riferimento alle stesse categorie catastali:

0,595 per cento, con detrazione di € 200,00 prevista dalla normativa;

 aliquota per i fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all’art.9, comma 3.bis, del D.L. n.557 del 30.12.1993, convertito, con modificazioni, dalla legge n.133 del 26.02.1994:

0,1 per cento;


 aliquota per i fabbricati costruiti e destinati alla vendita dall’impresa costruttrice, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati:

0,1 per cento;

 aliquota per i terreni agricoli:

0,0 per cento;

 aliquota per i fabbricati di categoria D:

0,93 per cento;


La quota di imposta calcolata allo 0,76% deve essere versata allo Stato, utilizzando il codice tributo 3925;

La differenza con l’aliquota deliberata dal Comune di San Salvo (0,17%) spetta al Comune medesimo utilizzando il codice tributo 3930;


 per gli immobili di categoria C1 (negozi e botteghe) e C3 (laboratori per arti e mestieri), nelle quali il soggetto passivo, nell’anno di imposizione intraprende una attività d’impresa con l’assunzione di almeno 1 dipendente. L’esenzione non spetta a coloro che cessano l’attività e ne intraprendono un’altra con lo stesso codice attività entro sei mesi dalla cessazione, e alle attività che costituiscono una mera prosecuzione dell’attività precedente, anche nel caso si tratti di soggetti diversi. Quest’ultima fattispecie si verifica quando l’attività non presenta il carattere della novità unicamente sotto l’aspetto formale ma che viene svolta, ancorché da un altro soggetto, in sostanziale continuità (conferimento dell’unica azienda in società, donazione d’azienda padre-figlio, successione d’azienda, cessione d’azienda, operazione di trasformazione, scissione o fusione d’azienda, scioglimento di una società di persone con prosecuzione dell’attività da parte di un socio). Costituisce, inoltre, sostanziale continuità di attività, ancorché, svolta da altro soggetto, quella iniziata con denuncia SCIA, presso locali già precedentemente adibiti, nei 30 giorni antecedenti, alla stessa tipologia di attività produttiva;


Al fine di ottenere il beneficio dell’aliquota agevolata, il soggetto passivo interessato deve presentare al Comune-Ufficio I.M.U. entro il 31 dicembre di ogni anno una dichiarazione sostitutiva di atto notorio resa ai sensidell’art.47 del D.P.R.n.445/2000 nella quale si attesti le condizioni di cui sopra. Il Comune si riserva di procedere all’accertamento dei requisiti dichiarati attraverso la richiesta della documentazione probatoria:

0,46 per cento


 aliquota ordinaria, per gli immobili che non rientrano nelle fattispecie di cui sopra, compresi i terreni rientranti nella definizione tributaria di “ areaedificabile”:

1,06 per cento;

COMUNE DI SAN SALVO - Piazza Papa Giovanni XXIII, 7 - 66050 San Salvo (CH) - Centralino 0873/3401 - pi 00247720691
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK